«Arredare riciclando»: un laboratorio per l'inclusione al «Cosmai» di Trani

L'istituto superiore Sergio Cosmai di Trani e Bisceglie dedica costante attenzione al tema dell'inclusione e, nel corso dell'anno scolastico appena concluso, ha realizzato diversi progetti rivolti ad accogliere i bisogni formativi ed educativi degli alunni diversamente abili.

«Il successo formativo», afferma il dirigente scolastico del Cosmai, Donato Musci, «è sia successo didattico che emotivo, esperienziale, relazionale. Per questo abbiamo sviluppato percorsi e laboratori basati sulla pratica della recitazione e della manualità, in cui i ragazzi e le ragazze hanno potuto sperimentare delle forme espressive ma anche delle fondamentali occasioni di socialità e di incontro, sia tra pari che con gli adulti». 

È in questa ottica che ha preso corpo uno dei progetti più interessanti realizzati nella sede di Trani del Cosmai: «Arredo riciclando», promosso dall'organizzazione di volontariato “La Mandragora” e da Legambiente Trani, con un finanziamento del Centro Servizi per il Volontariato “San Nicola”.

Con la realizzazione di laboratori pratici per la costruzione di arredi e fioriere scolastiche e attraverso l'utilizzo di materiali di riciclo si è inteso veicolare il tema della tutela dell’ambiente e si è dato vita ad un percorso di promozione del volontariato ambientale nella scuola. Il concetto su cui si è lavorato è quello di un'urgenza comunicativa ecologica, quella, cioè, che l’ambiente non può essere considerato uno spazio illimitato e che le risorse del pianeta non sono infinite. Il percorso ha voluto favorire la percezione, l’analisi e la comprensione di atteggiamenti eco-sostenibili, al fine di formare futuri cittadini consapevoli e responsabili nei confronti di sé, dell’ambiente e della comunità, promuovendo un atteggiamento di gratuità e volontariato verso l’ambiente e sviluppando qualità personali quali la condivisione, la collaborazione, il senso di responsabilità e l’attenzione al bene comune.

«Il percorso ha avuto da subito un carattere partecipativo», sottolinea Fabrizio Amicone, della sezione tranese di Legambiente, «nel primo incontro si é discusso coi ragazzi dei materiali che avremmo adoperato e di come si sarebbero potuti utilizzare per ottenere oggetti d'arredo. Partendo dalla descrizione di pallet e copertoni, si è fatto notare come questi, spesso, siano trattati alla stregua di rifiuti comuni o, peggio ancora, vengano talvolta smaltiti nel peggior modo possibile, bruciandoli. Dopo la descrizione di questo tipo di rifiuti, si è spiegato come sarebbero potuti divenire, a discrezione delle nostre scelte, fioriere o sedie o panchine, anche solo con accorgimenti minimi, come ad esempio una pulizia effettuata con aceto, efficiente ed ecologico, o una tintura, per quel che riguarda il legno, con un mordente realizzato con un solvente e del caffè. Poi, con l'entusiasmo dei ragazzi, abbiamo dato vita a dei veri e propri oggetti di arredo riciclati, che ora fanno parte dell'ambiente della scuola».

Tra i docenti dell'istituto coinvolti, Caterina Antolini, referente della sede di Trani, e, dal team del sostegno, Lucia Di Gregorio, Sara Pasquale, Stefania Di Pierro. Hanno collaborato anche alcuni alunni del settore moda e audiovisivo e i docenti Pietro Ingravalle, Roberto Mastromarini e Antonio Conte.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Avicola Colangelo

Notizie del giorno

Inchiesta su due ex magistrati di Trani, Savasta si avvale della facoltà di non rispondere Giannini: «Arrivano nuovi treni sui binari pugliesi» Alberi troppo vicini ai binari, ordinanza del dirigente per prevenire rischi: sotto osservazione largo Goldoni e piazza D'Acquisto Potete permettervi una barca? Ormeggiarla tutto l'anno a Trani vi converrà ancora di più: darsena, ecco le tariffe 2019 Gal Ponte Lama, finanziamenti per la vendita diretta di pesce. Possibilità anche per le imprese e cooperative di Trani "Trani sul filo", la rassegna che piace: 14mila partecipanti Teatro a Trani, arriva il “Venerdì a teatro”: primo appuntamento, domani, con "Tre preti per una besciamella" "Plastic free" nei campi, prorogati i termini per il ritiro dei teloni a costo zero Domani nella biblioteca di Trani incontro sull’importanza dell’unione di coppia nel progetto di vita dei bambini È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Nuova era» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, questa sera si gioca al «Cervellone» Il Partito democratico di Trani verso il congresso: sabato prossimo, chiusura del tesseramento e convenzione cittadina Festa di san Sebastiano, celebrazioni a Trani domenica prossima "Trani sul filo", domenica prossima a palazzo Beltrani lo spettacolo "Charlot in primo piano" Riparte "Jazz e dintorni" a Trani: primo appuntamento, venerdì 25 gennaio con Ron Rapporti con il Pd di Trani, Bottaro precisa: «Ottimi con il segretario, difficili con il gruppo consiliare» Trani, dopo il finanziamento, a villa Telesio arriverà l’illuminazione gratis. La dona Amet Trani, illuminazione a villa Telesio: la polemica di Lima Villa Telesio a Trani, Barresi: «Il sindaco loda l'illuminazione, ma ha perso dei finanziamenti» Lungomare di Trani, partiti i lavori sulla piazzetta fra via Rovigno e via Parenzo: spesa, 10mila euro Trani, per una villa che si riqualifica ce n’è una che è discarica: villa Bini Trani, al posto dell'Agenzia delle dogane l'Ufficio per il gratuito patrocinio Tari a Trani, richieste di agevolazioni ed esenzioni fino al 28 febbraio. Tutte le info Diocesi di Trani, ecco il Collegio dei consultori e il Gruppo di lavoro per lo studio del libro sinodale Dopo il nuovo boom di ascolti, da oggi in libreria i volumi su La compagnia del Cigno. C'è anche quello dedicato alla ragazza di Trani Il Trani sbanca Avetrana grazie alle reti di Bartoli e Monopoli
PUBBLICITA' Progetto Udito