"A chi deve sopravvivere": toccante il docu-film su Santa Scorese proiettato all'Impero. Dolore, emozioni e riflessioni nel lavoro di Piva

Ci sono storie che non devono andare disperse e che devono essere raccontate. Una di queste è quella di Santa Scorese, la ventitreenne barese che dopo tre anni di ossessivi pedinamenti, nella tarda serata di venerdì 15 marzo 1991, fu assassinata da uno stalker. Da quella storia, che non è soltanto un fatto di cronaca, il regista Alessandro Piva ha realizzato un docu-film che è stato proiettato al cinema Impero.

Ma non è la prima volta che si porta a Trani la storia di Santa Scorese. Il primo giugno 2017 il Liceo De Sanctis aveva messo in scena uno spettacolo dedicato al femminicidio durante il quale era intervenuta anche la sorella, Rosa Maria.

L’iniziativa di venerdì, a cura del Save - centro antiviolenza e antistalking di Trani, è andata ben oltre la semplice proiezione di un prodotto cinematografico. È stata l’occasione per non smettere mai di riflettere e interrogarsi sui temi della violenza di genere, dello stalking e delle motivazioni che spingano un uomo a limitare di fatto la libertà di una donna. E considerando che soltanto in questi primi venti giorni di gennaio 2020 gli accessi al Save sono stati sette, è comprensibile che si tratti di una vera emergenza sociale.  

Tante sono le iniziative che il Save della Cooperativa Sociale Promozione Sociale e Solidarietà ha messo in atto con l’obiettivo di raggiungere target diversi: dall’installazione degli ombrelli rossi nella piazzetta San Francesco alla panchina rossa ubicata in piazza Marinai d’Italia, dai panni in via san Giorgio fino all’evento al cinema che ha riunito donne, uomini e ragazzi.

Il regista, Alessandro Piva, ha spiegato i motivi che lo hanno spinto a realizzare un film su Santa Scorese: «Non conoscevo la sua storia, ma mi è stata raccontata da sua sorella, Rosa Maria. Da quella semplice scintilla, è iniziato il mio lavoro di approfondimento e ho cercato di raccogliere ogni testimonianza che raccontasse chi fosse Santa».

Tutto il film è impregnato di un dolore eterno che colpisce i genitori, la sorella, gli amici e chiunque la conoscesse. Ma è anche il percorso di una catarsi che parte proprio dal racconto della vita della “serva di Dio”: dall’amore dei suoi genitori, Angela e Piero, fino al martirio.

Tanto è stato fatto rispetto agli anni ’90 ma altrettanto bisogna fare adesso per contrastare il fenomeno della violenza sulle donne: «Allora non c’era una legislazione incisiva - ha affermato Mariapia Vigilante di Giraffa Onlus -. Ora, tra luci e ombre, esiste ma non funziona. Quello che manca è il cambiamento culturale: bisogna lavorare sugli stereotipi e sulla concezione patriarcale».

Toccante la testimonianza della sorella di Santa, presente in sala: «La porta della mia famiglia è stata aperta per contribuire alla creazione di nuove coscienze. Abbiamo trasformato il nostro dolore: se non ne avessimo parlato, non sarebbe stato possibile raccontare la sua storia come un seme che germoglia».

Il film si conclude con la frase “a chi deve sopravvivere”, un racconto dedicato a chi deve convivere con un dolore eterno. Ma è rivolto davvero a tutti, anche ai giornalisti: «Bisogna cambiare la narrazione dei femminicidi - ha sentenziato l’assessora alle pari opportunità, Marina Nenna -. Spesso nei titoli giornalistici che raccontano violenze di genere si parla erroneamente di amore. L’amore è altro rispetto all’omicidio».

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Avicola Colangelo

Notizie del giorno

«Mediterraneo sia sempre terra di pace». Bari, il racconto della visita di Papa Francesco Coronavirus, tutti negativi i presunti casi segnalati in Puglia Coronavirus, la Puglia verso il censimento di chi rientra dal nord Scompare un rudere ma, di fronte, ne resta un altro: Trani, che ne sarà di Villa Maggi? Trani, ripulito un chilometro di strada rurale nei pressi del ponte Lama. Briguglio e di Gregorio: «Spese ingenti solo a causa dell'inciviltà» Trani, va in gara la direzione dei lavori per la riqualificazione della pinetina di via Andria Canile sanitario e randagi: alla Lega nazionale di Trani impegno di spesa totale di 80 mila euro Trani entra con Ferrante nella Commissione di garanzia nazionale del Pd: ulteriore passo verso le regionali? È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Il ritorno» Trani, il cuore oltre la rete: ribaltata Noci 3-2 Vittoria con il brivido per la Vigor Trani: Negro e Mazzilli stendono il San Severo Cinema Impero, la programmazione della settimana Dirigenti scolastici, venerdì prossimo seminario di formazione e assemblea sindacale a palazzo Discanno Teatro Mimesis, prosegue la stagione di prosa 2019/2020. Prossimo appuntamento, venerdì La Fondazione Aldo Ciccolini ospita la pianista russa Violetta Egorova: appuntamento venerdì prossimo Trani Marathon, domenica prossima la gara di 4km: iscrizioni entro il 27 febbraio Palazzo Beltrani, fino al 1mo marzo la mostra G20 a cura di Isabella Battista Giornata della memoria, al Castello Svevo fino al 26 marzo la mostra "Auschwitz nelle opere degli ex-prigionieri" VIDEO. Trani religiosa: benvenuta San Magno, «casa di Dio con gli uomini» San Magno consacrata e il sindaco di Trani già guarda oltre: «Primo passo verso la riqualificazione del quartiere» Coronavirus, dal dipartimento della salute della Regione rassicurazioni: «In Puglia nessun allarme» Coronavirus, anche i pediatri di Trani si uniscono all'appello ai genitori: «Non portate i bambini in studio o al pronto soccorso» Trani, "Noi a sinistra per la Puglia" presenta il lavoro svolto in regione. Santorsola: «Mi ricandido: tanto abbiamo fatto e potremo fare ancora» Tassazione sui terreni agricoli edificabili, Rosa Uva (Buongoverno): «Le famiglie pagano oneri troppo esosi» Trani, al Polo museale la lezione del professor Paolo Vitti sulle volte laterizie nel Mediterraneo
PUBBLICITA' Incos