Dal Consiglio regionale una mozione per i poligrafici della Gazzetta del Mezzogiorno

Il Consiglio regionale ha approvato all’unanimità una mozione (presentatrice e prima firmataria Grazia Di Bari, Movimento 5 stelle), sottoscritta da numerosi consiglieri in rappresentanza di tutti i partiti, con cui si impegna il Governo regionale a farsi carico della situazione in cui versano i poligrafici della Gazzetta del Mezzogiorno.

Al governo regionale, in particolare, è affidato il mandato di interloquire con il governo nazionale per valutare il ripristino, sia pur per un tempo predefinito, del requisito dei 32 anni di anzianità contributiva per accedere alla pensione.

In sede di approvazione della legge di bilancio 2019 – infatti - è passato un emendamento a favore dei poligrafici dipendenti di imprese editoriali in crisi. La misura ha esentato dall’applicazione degli adeguamenti alla speranza di vita Istat i lavoratori collocati in cassa integrazione straordinaria entro il 31 maggio 2015, consentendo di accedere alla pensione a tutti quei lavoratori delle aziende editoriali in crisi in possesso del requisito dei 32 anni di contribuzione.

Il ripristino dei requisiti che dal 1° gennaio 2018 prevedono un’anzianità contributiva di 37 anni esclude dal prepensionamento i poligrafici della Gazzetta del Mezzogiorno, al pari di altri 3000 circa lavoratori del comparto, nonostante una crisi senza precedenti.

Per tale motivo la mozione dando mandato al Governo regionale di intraprendere le opportune iniziative auspica l’avvio di un percorso condiviso presso il Ministero del Lavorio e dello Sviluppo economico al fine di individuare la soluzione che consenta la salvaguardia dei livelli occupazionali e la valorizzazione delle professionalità, anche attraverso percorsi di formazione e riqualificazione.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Incos

Notizie del giorno

Trani, alla Lampara «Calà» il sipario: oggi l'anniversario del concerto di Jerry, poi la chiusura e la rovina Pasqua, il messaggio dell'Arcivescovo di Trani Pasqua, la prima messa del vescovo è nel carcere di Trani. Il richiamo di don Raffaele: «Rimettiamo la persona al centro della nostra vita» Santa Pasqua, una poesia di Filippo Ungaro Al via il primo concorso fotografico “Le processioni della Settimana santa a Trani”. Iscrizioni entro martedì AGGIORNATO. Pasqua e Pasquetta: cosa visitare a Trani Trani, la zona umida di Boccadoro sarà aperta a Pasqua, Pasquetta, il 25 aprile e il 1mo maggio. Tutte le info Al Polo museale di Trani c'è anche il «richiamo» della musica: è arrivato un pianoforte per le esibizioni estemporanee di talenti. Tutte le info Polo museale di Trani, fino al 5 maggio la mostra di santi e Madonne in campana Pasqua, Pasquetta e ponte del 25 aprile a Trani: gli orari della Ztl sul porto Trani religiosa, riviviamo anche la Processione dei Misteri È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: «Vuoti, e a perdere» Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Santo Graal di Trani, oggi tributo a Stevie Wonder Trani, il bilancio si voterà martedì 23 aprile. 26 i punti all’ordine del giorno “Il genio, 500 anni di meraviglia”: a Trani, fino al 30 giugno, la nuova mostra su Leonardo Da Vinci Trani, prosegue la mostra di Mimmo Rotella “SeriDécollages” Pasqua, Pasquetta e “ponti”: intensificate le attività della Polizia ferroviaria Rapine a portavalori, la Polizia di Stato arresta 5 persone. Operazione anche a cura degli uomini di Trani Apertura di un Caf a villa Guastamacchia, i dubbi di Fratelli d'Italia Trani Liste d'attesa, la Asl Barletta-Andria-Trani: «La nostra attenzione è massima» Rimozione del tetto in amianto sull'ex Supercinema di Trani, martedì i lavori. Le indicazioni per i residenti Dipendente comunale con doppio lavoro? Il tribunale di Trani accoglie il ricorso di Sergio De Feudis Trani, liquami sulla spiaggia di Colonna. La video-denuncia del consigliere Barresi Pasqua, Pasquetta e "ponti": Trani tra le dieci mete in Italia più gettonate dai camperisti Diabete: anche in Puglia le rilevazioni verranno fatte tramite tecnologia flash Trani religiosa, nella messa in Coena Domini c'è ancora la lavanda dei piedi. Foto e video di una notte di intenso raccoglimento
PUBBLICITA' Avicola Colangelo