Richiesta di rito abbreviato per gli estorsori, i difensori contestano la costituzione parte civile del Comune di Trani: il Gip di Bari rinvia ogni decisione al 14 dicembre

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Bari, Rosa Anna Depalo, ha rinviato al prossimo 14 dicembre la Camera di consiglio in relazione alla richiesta di rito abbreviato per gli imputati del reato di estorsione in concorso, con l'aggravante del metodo mafioso ed altri capi di accusa riconducibili alla cosiddetta «banda degli estorsori» di Trani.


Il primo motivo alla base dello slittamento della data è legato alle eccezioni formulate dalle difese degli imputati sulla costituzione parte civile del Comune di Trani che, nonostante sia parte offesa, e dunque pienamente legittimato, avrebbe proposto una domanda di ammissione con alcune presunte lacune.


Ad evidenziarle, in un primo intervento, i difensori di Nicola Petrilli, vale a dire Angelo Scuderi ed Ernesto Pensato, le cui eccezioni sono state richiamate ed arricchite di ulteriori elementi dai legali degli altri imputati.


Per la cronaca, il Comune ha sostituito il difensore in corso d'opera: il responsabile dell'Ufficio legale, Michele Capurso, oberato di cause, ha ceduto il compito alla collega Pasqua Di Pilato, che avrebbe dovuto difendere l'ente gratuitamente nel processo Zanni, cui però il Comune si presentò tardivamente e non fu ammesso. In questo caso, il compenso pattuito è di 2.500 euro circa.


Gli avvocati hanno anche eccepito su alcuni atti di indagine integrativi da parte dei due pubblici ministeri titolari dell'inchiesta, vale a dire Marcello Catalano, per la Procura di Trani, e Giuseppe Maralfa, per quella di Bari, entrambi presenti alla Camera di consiglio di stamani, tenutasi a Bari. Secondo i difensori, si tratterebbe di elementi non integrabili nel giudizio, ed anche su questo il Gip dovrà esprimersi il prossimo 14 dicembre.


Lo stesso dicasi di condizionato, con in alternativa l'abbreviato, per gli imputati Michele Regano e Armando Presta, difesi rispettivamente da Claudio Papagno e Francesco Di Marzio, e da Giangregorio De Pascalis e Massilmiliano De Gennaro. Il prossimo 14 dicembre il cerchio si chiuderà su tutte le questioni aperte e si fisserà la data del rito abbreviato, ovvero il giudizio per chi non fosse ammetto al primo.


Le estorsioni oggetto dell'inchiesta, una consumata e le altre tentate, riguardarono attività della ristorazione, imprenditoriali, del settore immobiliare e lapideo. Secondo quanto ipotizzato dalla pubblica accusa, l’azione criminale sarebbe stata estesa all’intero territorio cittadino e caratterizzata da un pesante clima di terrore ingenerato dalla personalità e dalla caratura dei malfattori, dalle minacce espresse di danneggiamenti alle cose, nonché di lesioni personali alle vittime. I malviventi avrebbero preteso il pagamento di somme di denaro fino a 40.000 euro , minacciando di compiere incendi e danneggiamenti alle rispettive attività, qualora non avessero aderito.


E vi è anche un «omissis» fra gli imputati, l'ottavo di un elenco che inizia con il nome dell'indiscusso capo della banda, Vito Corda 39 anni, pluripregiudicato. Corda è adesso collaboratore di giustizia, domiciliato presso il Servizio centrale di protezione e detenuto presso il carcere di Ariano Irpino. Quanto agli altri imputati, la pubblica accusa è certa del ruolo attivo che avrebbero avuto nel clan: alcuni intermediari; altri gregari; altri ancora semplici fiancheggiatori.


Questo l'elenco e, tra parentesi, le relative città di detenzione: Giuseppe Corda, fratello di Vito, Larino; Michele Di Feo attualmente sottoposto agli arresti domiciliari; Ilir Gishti, albanese residente a Trani (Lecce); Nicola Pecorella (Melfi); Pasquale Pecorella (Montorio, in provincia di Verona); Nicola Petrilli (Trani); Pasquale Pignataro (Foggia); Armando Presta (Taranto); Michele Regano (Trani). L'omissis è l'unico soggetto a piede libero.


Sono ben 17 le parti offese, una sola delle quali, il Comune di Trani, si è costituito parte civile. Gli altri sono imprenditori e cittadini a vario titolo oggetto delle estorsioni.


Lo scorso 9 ottobre, presso il Tribunale di Trani, si è tenuta la prima udienza del processo con giudizio ordinario a carico di Domenico Pignataro. Si tratta dell'unico soggetto per il quale, dal decreto di giudizio immediato, si è passati al rito ordinario. Anche in quel dibattimento il Comune è parte civile, difeso dall'avvocato Capurso, ed è stato regolarmente ammesso.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Maison Bistrot

Notizie del giorno

Guadagnuolo: «Dopo avere chiuso i tre attuali lotti, la discarica di Trani tecnicamente può riaprire» Quindici inviti, una sola risposta: la caratterizzazione della discarica di Trani finisce in Abruzzo per 280mila euro. I lavori dureranno due mesi Caratterizzazione della discarica di Trani, Santorsola esprime soddisfazione e rimarca: «Riaprirla? Decideranno i cittadini» Scuole di Trani, quasi 40mila euro per il riscaldamento alla Papa Giovanni. Ma lì, ed alla Fabiano, fa freddo e molti banchi restano vuoti Riutilizzo delle acque reflue del depuratore di Trani ai fini agricoli, pubblicata la prima gara Scippa telefonino nel centro di Trani, passanti quasi lo bloccano e lui fugge lasciandolo lì. Carabinieri e Polizia sulle sue tracce Dai fondi non utilizzati allo scontro fra treni? Ferrotranviaria precisa: «Nessuna malversazione, è tutto rendicontato» «Interrogatori poco ortodossi»: due Pm di Trani indagati a Lecce. Ed il Csm rimanda la nomina di Ruggiero nella commissione banche Polo museale di Trani, da oggi al 15 gennaio la mostra fotografica sulle attività di padri e figli A spasso fra i presepi di Trani: dal 23 dicembre, in via Cilea, torna il multimediale di Giovanni Curci "Maratona delle cattedrali" a Trani domenica, i provvedimenti della viabilità Finale di Coppa Italia: Vigor Trani-Fasano rinviata a data da destinarsi Santo Graal di Trani, gli appuntamenti del fine settimana: oggi, Coldplay tribute band; domenica, Modà cover band Lampare al fortino di Trani, domani "Champagne per una notte - la cena" Cinema Impero di Trani, la programmazione della settimana Come impugnare le delibere di condominio? Oggi, a Trani, un convegno per conoscere tutti gli strumenti di legge A Trani, da oggi a domenica, “Sonic scene”, festival internazionale del cinema musicale: il programma completo Biblioteca di Trani, gli appuntamenti della settimana: oggi, Davide Vargas Oggi, a Trani, presentazione del libro "Un amore fra le stelle", di Catena Fiorello Oggi, a Trani, visite di controllo dell'udito Natale, tutte le iniziative nelle scuole di Trani. Domani, presepe e concerto della Petronelli Domani a Trani una marcia per la lotta ai tumori al seno Domani e domenica, alla Madonna di Fatima di Trani, mercatini e festa “Aspettando il Natale” Domani, a Trani, coro natalizio con raccolta fondi per due ragazze disabili Natale a Trani, tutti gli appuntamenti organizzati dal Jobel. Domani, festa in via delle Crociate “Jazz e dintorni”, domani a Trani Peter Cincotti Trani, domenica la festa natalizia del Comitato di quartiere Pozzopiano Palazzo Beltrani, gli eventi di dicembre: domenica prossima «Melanconia» AGGIORNATO. Presepi a Trani, c'è l'imbarazzo della scelta Trani, Jara Marzulli in mostra al Michelangiolo Palazzo Beltrani, la collettiva di arte contemporanea “Artis gratia” sarà fruibile fino al 7 gennaio Martedì al Dino Risi di Trani incontro con Italo Moscati Infopoint di Trani, gli eventi di fine anno. Dal 27 dicembre, spazio al cinema È in edicola il nuovo numero del Giornale di Trani: Trani si accende, ma la cava non si spegne Rito abbreviato per gli estorsori, Comune non ammesso parte civile: prima udienza, a Bari, il 1mo marzo. Due imputati saranno giudicati a Trani Tetto dell'ex Supercinema di Trani, la proprietà invia alla Soprintendenza istanza autorizzativa per la bonifica Vigilia di Natale, «venti eventi» in città e Bottaro «regala» la sosta a tutti: «Venite a Trani e parcheggiate gratis» Vigilia di Natale, a Trani arriva anche il mercato settimanale straordinario Cava dei veleni bis, Santa Geffa a rischio? Due organismi di Trani invocano la precauzione, Xiao Yan replica: «Qui mai avvertito nulla». Ma il presepe scolastico cambia sede Cava dei veleni bis e difesa dell'ambiente a Trani, il Comitato bene comune illustra le ragioni per scendere in piazza domenica prossima VIDEO. Trani religiosa, la festa liturgica in onore di Santa Lucia Scontro fra treni, così la Procura di Trani ricostruisce la tragedia dopo la chiusura delle indagini Scontro fra treni, Ferrotranviaria aveva ricevuto dalla Regione 180 milioni di euro, 97 non sono stati usati per la sicurezza Il Procuratore della Repubblica in visita agli uffici della Guardia di finanza di Trani
PUBBLICITA' Avicola Colangelo