Amarcord con Carolina Morace

Amarcord di un periodo d'oro del calcio femminile tranese, caratterizzato da tre scudetti, una Coppa Italia e diversi trofei internazionali. Erano le ragazze della "mitica" Trani '80, un modello di squadra a cui ancora oggi si fa riferimento. E la città ha abbracciato idealmente le protagoniste di un periodo d'oro dello sport tranese festeggiando con il solito entusiasmo - ed un pizzico d'emozione da parte di qualcuno - Carolina Morace, Anne O'Brien, Debora Montagnani e le altre ragazze di quel Trani che hanno aderito, alcune solo idealmente, alla simpatica iniziativa voluta dalla presidentessa del nuovo Trani femminile, Florinda Festa, che con molta buona volontà, ed anche un pizzico d'improvvisazione, ha organizzato questa rimpatriata delle glorie del calcio femminile tranese per festeggiare la promozione del nuovo Trani femminile in B. Il Comunale, nonostante i tanti "acciacchi" di quest'ultima travagliata stagione (con tribuna e gradinata inagibili), ha dato il meglio di sè per quanto poteva...: spettatori tutti a bordo campo per una gran festa. La partita tra la mista del Trani di ieri e di oggi, rinforzata dalla nazionale azzurra Manuela Tesse, contro la rappresentativa degli Avvocati del Foro di Bari, in cui militava anche il "nostro" Giuseppe Modesti, si è conclusa per 5-3 per le toghe baresi. Occhi puntati, naturalmente, su Carolina Morace, che tornava sul terreno delle prime imprese con un pizzico d'emozione malcelata. Come ai tempi del... Liceo, Carolina ha lottato e segnato con la grinta che l'ha sempre contraddistinta. Per lei tanti applausi, decine di autografi, qualche vecchia foto rispolverata da tifosi biancoazzurri ed un carico di ricordi da riportare a Roma. Ma soprattutto lo spunto per lanciare il suo più grande desiderio: chiudere la carriera di calciatrice con una gara spettacolo da giocarsi a Trani, il prossimo settembre. Un'idea subito raccolta da alcuni amici tra cui gli ex dirigenti della Trani '80, come Nino Losito, Vladimiro Falcone, Paolo Loporchio ed il mister Santino Barbato, presenti a bordo campo. Anche il delegato della FIGC per il calcio femminile Puglia, Antonio Traversa, che ha portato i saluti del presidente federale Franco Biscozzi, ha comunicato l'interesse per una manifestazione di forte richiamo per il calcio femminile pugliese, in cerca di nuovi orizzonti. Carolina Morace ci crede: "È un'idea che coltivo da tempo. Spero che per settembre ci sia una buona agibilità della struttura per organizzare questa gara nella città che mi ha lanciato. Ho già avviato contatti con le più forti giocatrici del nostro campionato ed intendiamo sfidare una rappresentativa formata dagli allenatori di A e B del campionato maschile". La gara potrebbe essere inserita tra le manifestazioni del ricco calendario dell'Estate Tranese, ma prima occorrerà rendere parzialmente agibile la gradinata. Un impegno da onorare da parte della prossima amministrazione comunale, cui certamente non sfuggirà anche la ricaduta in termini promozionali per questa iniziativa per Trani non solo sportiva. Attorniata dalle ragazze del nuovo corso del calcio tranese, Carolina non ha smentito il suo carattere. Consigli tanti, ma anche qualche strizzatina d'orecchio: "Le ragazze che sono arrivate alla B ora devono allenarsi con costanza, acquisendo anche l'educazione ad essere atleta. In ciò potranno essere aiutate se anche gli organi istituzionali locali e gli imprenditori daranno il giusto valore al loro impegno. Trani è una piazza che ancora oggi viene ricordata dappertutto per quella squadra di calcio femminile. Con una buona organizzazione societaria si può anche risalire". Nel frattempo, prima di cimentarsi con gli esami del Supercorso di Coverciano, che dovrebbe portarla sulla panchina di una squadra laziale, la Morace, fresco avvocato del Foro di Roma ed apprezzata opinionista su Tele Montecarlo, sta per debuttare come scrittrice: sta infatti per uscire il suo primo libro, "Il calciatore donna", realizzato con il prof. Perrone dell'Università di Roma, in cui sono ripresi gli aspetti medici e tecnici legati alla pratica femminile dello sport maschile per antonomasia. Una strada già intrapresa da un'altra ragazza di quel Trani, anch'ella presente al Comunale, la barese Debora Montagnani, tra le più fresche novità della narrativa italiana con il suo "Non ci resta che Hollywood". Un romanzo quasi autobiografico in cui la protagonista risente "anche della splendida stagione dello sport legata al Trani femminile, che ha formato anche i nostri caratteri", come dice l'interessata. Ed a Trani non ha voluto mancare anche il capitano, Anne O'Brien, che dopo cinque anni di assenza dai terreni di gioco è ritornata a giocare con la sua solita classe. Con lei anche il piccolo Andrea, 11 anni, che sta seguendo le orme della mamma ed è nelle giovanili della Roma. "Trani resta sempre il momento più alto raggiunto dal calcio femminile. Un'esperienza che ti resta nel cuore", naturalmente... biancoazzurro.

CONDIVIDI
PUBBLICITA' Albrizio Design

Notizie del giorno

AGGIORNATO. Estate di Trani, rinviato a venerdì lo Street festival: «Motivi tecnici» Ospedale di Trani, ancora un furto notturno ai danni dell'impresa del nuovo pronto soccorso Stroncato da alcool e sostanze: muore all'alba 40enne di Trani Tesoreria comunale di Trani, pronto il nuovo bando di gara. Tempesta: «Non accettiamo lezioni morali, l'inerzia c'è stata prima di noi» Nuovo anno scolastico, l'impegno del sindaco di Trani: «Immediata ricognizione delle strutture per iniziare in ambienti decorosi» Accessi e parcheggi impossibili: Idee, giovani e politica tira le somme e i conti non tornano La differenza di valori in campo si vede tutta: Matera-Trani 7-0 Estate di Trani, gli appuntamenti in corso ed in arrivo Trani, anche oggi sarà possibile visitare la Sinagoga Trani ed Arsensum aprono all'arte di Macedonia e Galles: Vernon W Jones espone fino a questa sera L'Albero della Vita organizza tre eventi in favore della Feimar. Venerdì triangolare allo stadio, a seguire presentazione ufficiale della Vigor Trani Spunta antenna telefonica in via De Nicola: sarebbe stata installata in presenza di un avviso di diniego. Petizione dei residenti e primi chiarimenti del sindaco di Trani Altra strada, altra storia: il Comune di Trani nega antenna in via Alvarez e Wind va dal Tar Antenne telefoniche ed emissioni, parla un tecnico: «Fanno paura, ma meno male del telefonino che portiamo all'orecchio» Trani, chiede invano l'ennesima birra: al rifiuto, spacca la cassa Scoperti con dodici chili di datteri estratti a Trani: deferiti due sub e rigettato in mare il pescato Dal bimbo dell'elemosina a quello annegato, dalla miopia alla tragedia. Negrogno: «Chi non ha soluzioni, smetta di fingere di preoccuparsi e taccia» AGGIORNATO. Palazzo delle arti, gara triennale ed affidamento provvisorio a «Il bello del Beltrani». Gara precedente revocata per tre errori tecnici Bottaro e gli indirizzi di governo: «Trani non può più permettersi di perdere neanche un finanziamento» Tesoreria comunale, Loconte (Riva destra): «Da sei anni Trani è senza gara. Ed oggi un funzionario di quella banca fa l'assessore Molla (Luca Giura) incanta Anacapri e porta a casa il premio Bruno Lauzi Indirizzi generali di governo, l'impegno di Bottaro con Trani: «Dal prossimo anno ridurremo le tasse»
PUBBLICITA' Building Center